Caso Ferrovia Roma Nord: il Comitato dei pendolari non si arrende

Il Comitato dei Pendolari della Ferrovia Roma Nord, guidato dall’Ing. Fabrizio Bonanni, ha presentato opposizione alla richiesta di archiviazione del procedimento relativo alla denuncia-querela depositata il 28 ottobre 2020 nei confronti di persone ignote. La denuncia riguardava le condizioni di grave pericolo per la salute dei cittadini utenti venutasi a creare in piena pandemia da Covid-19, sulla tratta ferroviaria Roma-Civita Castellana-Viterbo, gestita da ATAC S.p.A. fino al 2022.

L’opposizione presentata dal Comitato evidenzia diversi motivi per cui la richiesta di archiviazione appare ingiusta, ingiustificata e illegittima. Tra questi, si sottolinea la configurabilità del delitto di epidemia nella sua versione colposa e quindi la sussistenza dei reati di cui agli artt. 438 e 452 c.p. in coordinato disposto, l’interruzione di pubblico servizio e l’inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità previsti dall’art. 650 del codice penale.

Il percorso per giungere ad ottenere la decisione del Pubblico Ministero di richiedere l’archiviazione del caso è stato purtroppo molto lungo e tortuoso.

Il Comitato chiede che la richiesta di archiviazione venga rigettata dal G.I.P., che si approfondiscano le indagini e si sequestrino i documenti relativi alla gestione della tratta ferroviaria per accertare le responsabilità penali. Gli avvocati Cesare Antetomaso e Mario Sabatino dell’Associazione Giuristi Democratici hanno dichiarato che “le indagini sono state approssimative e che la relazione inviata dall’Ispettorato del Lavoro all’esito delle indagini delegate dal P.M., non contiene neppure le date in cui sarebbero stati fatti gli accessi alle stazioni ed ai treni“.

Skip to content